Utilizzo del drone negli interventi LIFE REDUNE

Diapositiva1-1024x576

Utilizzo del drone negli interventi LIFE REDUNE

Gli interventi di LIFE REDUNE per la riduzione dell’impatto antropico sugli habitat mirano ad agevolare il recupero dell’integrità degli habitat e delle popolazioni di specie nelle aree di progetto attraverso la rimozione o la riduzione dell’impatto sia ecologico che paesaggistico generato dal transito e dalla frequentazione incontrollata del sistema dunale a fini turistici.

Come indicatore del disturbo antropico è stata scelta l’estensione della superficie di sentieri non autorizzati presenti nelle aree di progetto; le quali si distribuiscono nel tratto di costa veneta compreso tra i comuni di Chioggia e di San Michele al Tagliamento.

Dopo un monitoraggio iniziale eseguito per fornire dei dati oggettivi pre-interventi, a due anni di distanza l’attività di monitoraggio del 2020 ha permesso la caratterizzazione morfologica, ecologica e dinamica delle cinque aree di progetto a seguito della realizzazione degli interventi di riqualificazione. In particolare, è stato possibile verificare l’efficacia gli interventi per la riduzione dell’impatto antropico sugli habitat, attraverso la mappatura di dettaglio delle vie di accesso minori alla spiaggia (sentieri) e delle aree con il maggior carico di turisti (la metodologia usata per il monitoraggio in itinere nel 2020 è stata uguale a quella impiegata nella fase ex ante nel 2018).

L’azione di monitoraggio è iniziata col rilievo fotogrammetrico aereo, svolto mediante un Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto, dotato di una macchina fotografica compatta che scatta le fotografie secondo una griglia precedentemente pianificata e dialoga con la stazione di terra attraverso un segnale radio. I voli sono stati svolti ad una quota di 145 metri dal suolo. Complessivamente sono stati sorvolati 316.6 ettari a scattate 3.631, con una precisione dell’ordine dei centimetri ed una risoluzione dei fotogrammi pari a 5 cm di pixel a terra.

Il rilievo GPS ha permesso di disporre di alcuni punti di controllo che sono serviti, in fase di elaborazione dati, a correggere la georeferenziazione del modello tridimensionale e dei fotopiani prodotti mediante fotogrammetria aerea. Per quanto riguarda la posizione assoluta di ogni singolo oggetto, lo scarto massimo può essere di 15 cm, mentre per le distanze reciproche si può salire di precisione fino ai 5 cm, limitata più che altro dalla risoluzione dell’immagine.

Con il drone è stato possibile fare attività di monitoraggio nel tempo per seguire le modifiche degli habitat ed attraverso l’analisi dei dati è stato registrato che la delimitazione dei percorsi si conferma essere un’azione molto efficace di limitazione del disturbo antropico. 

Gli effetti più evidenti sono riscontrabili nel sito di Punta Capalonga, dove la superficie si è ridotta di circa il 65%. Si riducono a circa -9% nel sito Vallevecchia e si annullano completamente nel sito Laguna del Mort.